In questo negozio si parla meneghino

Nei negozi di solito i titolari espongono dei cartelli per spiegare alla clientela estera che il personale conosce le lingue straniere per rendere più accomodante fare acquisti.

In questo esercizio di via Ruffini invece, come in quest'altro, sulla vetrina campeggia tronfio questo adesivo molto meneghino che, a mio personale modo di vedere, si fa beffe di una società italiana sempre più esterofila, che ritiene "out" chi preferisce usare la propria madrelingua anzichè dare sfoggio di una presunta cultura ampia e moderna, utilizzando parole inglesi in ogni salsa, anche quando non se ne sente un reale bisogno.

Mi piace pensare che questo negoziante definisca una persona "out" come un "pirlòn", che quest'estate al posto di un volo "low cost" prenda un aereo "economich" e che all' "happy hour" (chissà perchè non aperitivo) si prenda al posto di un "drink" un bel "biccerin de vin". E che magari faccia una tanto semplice quanto vecchia riunione al posto di un moderno "briefing".

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: