Milano più povera senza Giovanni Pesce

Era una delle coscienze di Milano e uno degli ultimi simboli della città antifascista e medaglia d'oro della Resistenza. Probabilmente un anacronismo ormai nel 2007. Così se n'è andato Giovanni Pesce, 89 anni, egli stesso medaglia d'oro della Resistenza e combattente in Spagna per difendere la Repubblica aggredita da Franco.

Aveva combattuto i nazifascisti a Milano con il nome di battaglia di Visone e per tutto il dopoguerra aveva mantenuto viva la memoria della lotta partigiana, che per lui era cominciata in Francia dove era emigrato per fare il minatore. Lo aveva spinto ad arruolarsi in Spagna un discorso di Dolores Ibarruri, la Pasionaria che cercava in tutta Europa altri combattenti per la libertà.

Meno male che almeno la sua memoria non provoca divisioni, ma - almeno a Milano - è un patrimonio comune di tutti.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: