Nigeriano e padano: Tony Iwobi si candida con la Lega per le regionali

Ecco un binomio davvero inaspettato: un nigeriano e la Padania. Premesso che la Padania non esiste, se non nelle fantasie dei leghisti più convinti, esiste però un nigeriano dal cuore padano, il primo leghista venuto dall’Africa. Già assessore ai servizi sociali in un paesino del Bergamasco, Spirano, poco più di 5mila abitanti, paesino noto per iniziative insolite come l’attivazione di una segreteria telefonica in dialetto per gli uffici comunali, la carta intestata in italiano e bergamasco, le strisce pedonali verdi e l’inaugurazione di un monumento alle vittime dell’11 settembre con frasi di Oriana Fallaci.

Ora Tony Iwobi è ufficialmente candidato alle Regionali. Ha 57 anni ed è in Lega da almeno 19 anni, sposato con una bergamasca. “Sono diventato leghista perchè venivo da un Paese federalista e mi piaceva quell’idea”, racconta in una vecchia intervista. La notizia è un segno dei tempi di una Lega di Maroni che punta a rinnovare l'immagine, uscendo dalla Lega rustica e virile di Bossi. Sul suo sito dichiara: “E’ giusto che tutti rispettino le regole. Gli immigrati onesti, integrati e perbene sono i primi a essere d’accordo”.

  • shares
  • Mail