Milano, censiti 302 rom nei campi nomadi

Riccardo De Corato, vicesindaco di Milano, ha dichiarato che nell'ultima settimana di settembre la Polizia Locale ha censito 302 rom nei campi nomadi milanesi, oltre ad altre centinaia di persone di altre nazionalità. Altri quattrocento circa erano stati identificati a luglio, molti di essi erano stati fermati ai semafori mentre erano intenti a lavare i vetri delle auto.

Tutte queste schedature non derivano da qualche crimine commesso dai fermati, bensì dalla volontà di De Corato di voler applicare la normativa europea secondo la quale un comunitario deve, entro 90 giorni dalla prima identificazione, essere registrato all’anagrafe, avere una residenza, un lavoro che permetta il sostentamento e un’assistenza sanitaria. Chi non risponde ai requisiti può essere allontanato e non può tornare nel paese da cui è stato espulso. Insomma, identificazione preventiva. Che ne pensate?

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: