Greenpeace inaugura la Settimana della moda con il blitz 'Fashion Duel' al Castello Sforzesco

Apertura decisamente inaspettata per la settimana della moda di Milano con la sfilata verticale sulla facciata del Castello Sforzesco organizzata da Greepeace, che ha srotolato un enorme green carpet a forma di guanto che è diventato la passerella di un'attivista-climber. Un blitz per sostenere la campagna The Fashion Duel:

Con questa azione, rilanciamo la sfida alle 15 case d'Alta moda presenti nella nostra classifica “The Fashion Duel”. Stiamo chiedendo alle maggiori griffe di impegnarsi nell’unica vera tendenza che rispetta il Pianeta: una moda non contaminata da deforestazione e sostanze tossiche.

Una petizione online che mira dunque a responsabilizzare l'alta moda sulle tematiche ecologiste. Greenpeace ha snocciolato i primi dati di un questionario inviato alle principali maison di moda: finora solo Valentino Fashion Group si è impegnato per raggiungere gli ambiziosi obiettivi Deforestazione Zero e Scarichi Zero nelle propria produzione. Altri come Ferragamo, Armani, Luis Vuitton e Dior hanno mostrato trasparenza rispondendo ai questionari, ma con impegni solo parziali.

Prada, Dolce&Gabbana, Chanel ed Hermés, nonostante le ripetute richieste si sono rifiutate di fornire le informazioni necessarie a una valutazione. Di sicuro non una buona pubblicità, visto che queste tematiche coinvolgono emotivamente una larga fetta di consumatori. Dice Greenpeace: "Non rispondere non è un’opzione. È ora di darsi una mossa. Se sono queste aziende a dettare le nuove tendenze in tutto il mondo devono capire che per la prossima stagione l’unico must-have è una moda senza distruzione".

  • shares
  • Mail