Movida anni 70...

Parte sabato la giostra della cultura e del divertimento "Movida anni 70". Tanti i luoghi coinvolti, come ricorda il Corriere:

sabato sera in piazza Duomo, dalle 21, arriva la dance dal vivo di Kool & The Gang e Sister Sledge, con anche video, interventi, show, fino alle 2. La serata è condotta da Red Ronnie. Sempre sabato, in piazza Santo Stefano, tocca al jazz e alla fusion, con Eumir Deodato, Tullio de Piscopo, Franco Cerri. Un locale storico, il Derby, viene ricordato da Teo Teocoli e Mario Lavezzi nella sede dell'ex cinema Arti, in via Mascagni, grazie ad aneddoti, canzoni e alla presentazione di un video dedicato a Gaber.

Senz'altro una buona occasione di svago. Fa specie invece constatare come l'attualità sia relegata a semplici filmati di repertorio proiettati in Piazza S. Babila. Facile collegare il decennio alla spensieratezza e alla cultura pop. Più difficile pescare da un pozzo torbido e nero come gli anni di piombo, delle stragi "di Stato"; anni "affollati" per dirla alla maniera di Gaber. In tal senso segnalo l'uscita per l'Einaudi del libro "Anni '70", l’autore è Giovanni Moro, figlio dello statista assassinato dalle Brigate Rosse. Il libro tenta di ricostruire una visione complessiva di quegli anni e si sofferma sul delitto Moro come l'apoteosi di un "affaire" ancora oscuro tra poteri occulti e terrorismo. Ecco Un interessante articolo a riguarda apparso sul Corriere.

Leggo poi un bel editoriale di Battista Pierluigi dal titolo inequivocabile: I colori degli anni Settanta in mostra a Milano: ma dov' è il rosso sangue? - apparso qualche giorno fa è un'opinione autorevole sul "presunto" fermento culturale di quegli anni.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: