Milano contro la 'ndrangheta: una rete tra il Comune, l'Alleanza con la Locride e la Calabria e le organizzazioni antimafia

Una rete contro la criminalità

I dati sulla presenza della criminalità organizzata nella nostra regione parlano molto chiaro, e più volte, da quando il problema è tornato alla ribalta, se ne è parlato, in barba a chi in passato ha cercato di negare la situazione.

A questo proposito, per mettere in rete il Comune di Milano, l'Alleanza con la Locride e la Calabria e le organizzazioni che lavorano contro la mafia si è tenuto ieri un incontro presso l'Urban Center in Galleria Vittorio Emanuele II.

Marco Granelli, assessore alla Sicurezza, ha spiegato:

"Questo incontro stabilisce un nuovo collegamento tra le azioni del Sud e del Nord contro il radicamento e lo sviluppo della criminalità organizzata. Meno di un mese fa, il 13 febbraio, abbiamo siglato un accordo per la legalità nei cantieri di Expo 2015 firmato dal Sindaco di Milano e dai Sindaci di Rho, Baranzate e Pero, per eliminare i vincoli di territorialità e integrare la complessa e articolata attività di vigilanza e controllo. La cronaca quotidiana ci restituisce una testimonianza del profondo radicamento della ‘ndrangheta ben oltre i confini della Calabria e anche a Milano. Vogliamo costruire un ponte tra la società civile che in Calabria e a Milano combatte la ‘ndrangheta, per ‘bonificare’ la connection criminale che si è consolidata tra questi territori"

Pierfrancesco Majorino

, assessore alle Politiche sociali, ha precisato che:

"La nostra Amministrazione non solo non nega o rimuove la presenza delle cosche nei nostri territori, ma è concretamente attiva in un’Antimafia dei fatti che ha registrato decine di interventi in questo senso. Ricordo, in particolare, alcune iniziative legate alle proprietà sottratte alle organizzazioni criminali e restituite alla collettività, tra cui il Festival dei beni confiscati alle mafie che ha dato ai milanesi l’opportunità di una mobilitazione corale intorno al tema della legalità"

Presente all'incontro anche Vincenzo Linarello, presidente del Gruppo Cooperativo GOEL, che riunisce diverse cooperative sociali in Calabria per la liberazione e il riscatto delle comunità locali.

GOEL ha promosso la già citata Alleanza con la Locride e la Calabria a livello nazionale, "contro la 'ndrangheta e le massonerie deviate, per la democrazia ed il bene comune": lo scopo dell'Allenza è infatti combattere l'infiltrazione della 'ndrangheta fuori dalla Calabria (sono stati promossi a questo scopo Osservatori Civici) e sostenere le esperienze di economia sociale anti-ndrangheta. Finora hanno aderito oltre 750 Enti e più di 3.200 persone in tutta Italia.

  • shares
  • Mail