Milano: Scuole monitorate da ex poliziotti, segnalati tre casi di spaccio

Lo scorso mese, il 15 ottobre per la precisione, era partito un progetto di monitoraggio delle scuole superiori milanesi. In buona sostanza il comune voleva sorvegliare gli alunni e monitorare l'eventuale presenza di crimini di qualsiasi tipo negli istituti scolastici. Il progetto è stato voluto dal vicesindaco De Corato e materialmente portato avanti grazie al supporto di poliziotti in pensione, che attraverso l'associazione che li raccoglie si sono resi disponibili per fare da 'sentinelle' fuori dalle scuole. In presenza di crimini, o presunti tali, non agiscono ma informano le autorità.

Dopo il primo mese di lavoro i sorveglianti rendono noti i misfatti dei sorvegliati. Tra le 46 scuole controllate sono emersi tre episodi di spaccio e presenze 'anomale' di estranei in alcuni istituti. Al tempo stesso i City Angels, hanno posto margine ad episodi di bullismo in zona Cascina Gobba. Pare che in zona, un centro anziani fosse continuamente bersagliato da episodi di vandalismo e bullismo.

Secondo voi è giusto mettere sentinelle fuori dalle scuole, o pensate siano altri gli strumenti da utilizzare per questo genere di questioni?

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: