Stazione Centrale: che sia la volta buona?

stazione centraleArrivare in treno in Stazione Centrale ha un che di "trionfale". Sarà per le grande arcate che proteggono dalle intemperie i viaggiatori, oppure per il fatto che le stazioni di "testa" sono piuttosto rare, in ogni modo quando si arriva in centrale ci si sente davvero"arrivati".

Il trionfalismo però finisce quando si scende dal treno, sempre che esso sia arrivato in orario, ovvio. Quella tipica sporcizia da stazione ferroviaria, causata anche dalla maleducazione di molti, come quella tipica gentaglia che si aggira nei dintorni e che ti costringe a camminare con le mani in tasca sul portafogli e con il bagaglio sempre sotto controllo. Succede a Milano come a Roma o a Torino: fortunatamente non abbiamo l'esclusiva.

Chissà allora se i lavori di restauro della stazione, per un valore complessivo di 100 milioni di euro, potranno migliorare in maniera radicale la situazione. Si pensa che i passeggeri possano, nell'attesa dei treni, fare shopping e, perchè no, rilassarsi un po' o divertirsi. I lavori si stanno muovendo in due direzioni: il recupero del patrimonio artistico della stazione e la modernizzazione del complesso ferroviario, sul modello europeo. Un occhio di riguardo a vetrate e padiglione reale, e attenzione alla sicurezza e all'agibilità con nuove scale mobili e un nuovo sistema di telecamere di sicurezza.

Voi cosa ne dite: ce la faremo ad avere una bella stazione? Noi, inguaribili ottimisti, speriamo di si.

Via | ArcBlog.com

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: