Ospedale San Raffaele, scontri tra dipendenti e polizia: accettazione bloccata, sportelli chiusi

I lavoratori minacciano di continuare a occupare l'accettazione

Dopo l'invio delle prime 40 lettere di licenziamento è altissima la tensione all'Ospedale San Raffaele: come leggiamo su Repubblica 200 lavoratori stanno minacciando di occupare l'accettazione a oltranza.

L'istituto è presidiato da una trentina di agenti in tenuta antisommossa e da numerosi poliziotti in borghese della Digos. Ci sono stati anche scontri tra dipendenti e forze dell'ordine: un'infermiera è stata portata via in barella dopo aver forzato il cordone della polizia.

L'Unione sindacale di base ha fatto sapere:

"Durante il confronto la lavoratrice è stata scagliata a terra e ha sbattuto la testa sul selciato. La donna è attualmente ricoverata"

All'arrivo dei lavoratori l'accettazione è stata bloccata e tutti gli sportelli sono stati chiusi. Angelo Mulè (Usi sanità), ex coordinatore della Rsu, ha raccontato:

"La polizia con gli scudi ha cercato di impedire l'accesso e c'è stato qualche scontro. Siamo in 300-400. Un primo gruppo è riuscito a entrare in accettazione, quindi la polizia ha provato a trattenere il secondo gruppo, che poi è comunque riuscito a entrare. Poi gli agenti hanno lasciato libero l'ingresso"

I lavoratori minacciano di continuare a occupare l'accettazione fino a quando l'azienda "non farà sapere se è disponibile a riaprire le trattative sui licenziamenti".

Intanto l'8 maggio è stato proclamato lo sciopero generale regionale della sanità pubblica e privata.

  • shares
  • Mail