Macao, occupato il cinema Manzoni: botta e risposta tra Comune di Milano e collettivo

La struttura, abbandonata da anni, è stata occupata dal collettivo

Si erano dati appuntamento davanti a Palazzo Marino. Ma poi hanno deciso di occupare l'abbandonato Cinema Manzoni. Così Macao ha deciso di festeggiare il primo anniversario dall'occupazione della Torre Galfa.

E così è iniziato ieri un dialogo a distanza tra gli occupanti e il Comune di Milano. Questa la dichiarazione della vicesindaco Lucia De Cesaris e dell'assessore alla Cultura, Filippo Del Corno:


"Garantire che all’interno del progetto di ristrutturazione, proposto dalla proprietà per l'ex cinema Manzoni, vengano dedicati spazi per la cultura. È quanto il Comune, nel rispetto dei ruoli e nell'ottica di superare l'attuale stato di abbandono dell'immobile, sta negoziando, dal momento che questa struttura, chiusa da molto tempo, è da sempre privata. Questa Amministrazione, inoltre, nell’ambito delle proprie competenze, ha avviato, con Temporiuso, un percorso con l’obiettivo restituire alla cultura spazi abbandonati affidandoli ad associazioni presenti sul territorio, attraverso bandi trasparenti cui si può partecipare, in un rapporto di dialogo costruttivo, dando vita a progetti e esperienze culturali e sociali importanti per la città"

Questa invece la risposta di Macao, che ha ribadito la necessità di

"costruire un percorso di partecipazione per la definizione del progetto di valorizzazione del cinema e delle aree adiacenti, all'interno di un dibattito più ampio sulle politiche urbanistiche. Riteniamo che oltre alla privatizzazione e all'assegnazione tramite bando i cinema, i teatri, gli spazi per l'arte e la cultura e gli altri luoghi abbandonati della città possano essere destinati ai cittadini capaci di farli rivivere come beni comuni all'interno di processi democratici di autogoverno.[...] lavoriamo per la legittimazione di queste forme di cittadinanza attiva ed il riconoscimento dei beni comuni. Per questo non possiamo ritenere soddisfacenti le timide attenzioni che ci vengono rivolte a seguito della liberazione temporanea di uno spazio"

Il collettivo ha organizzato presso il Manzoni tutta una serie di nuove iniziative, dedicate ovviamente al cinema, e ha promesso di "continuare a volare".

Un anno dall'occupazione della Torre Galfa: il 5 Maggio Macao 'festeggia' il primo compleanno

Domenica 5 maggio alle ore 12.30 davanti a Palazzo Marino Macao festeggerà il suo primo compleanno. 'Festeggerà' per modo di dire, perchè a un anno di distanza dall'occupazione della Torre Galfa che aveva smosso tutta la città - e soprattutto il mondo della cultura -.

L'invasione culturale del palazzo abbandonato era durata una decina di giorni e un anno dopo M^C^O denuncia

"l'immobilismo dell'amministrazione nel difendere i luoghi della cultura e della socialità [...] la sterilità della politica di disinvestimento sul patrimonio culturale milanese, che costituisce per noi un bene comune, praticato tramite la chiusura di cinema e teatri con l'effetto di ridurre, non solo la molteplicità dei luoghi di fruizione della cultura, ma anche gli spazi per la critica, il dissenso e l'immaginazione [...] la politica cittadina, a parte timidi tentativi falliti di fronte alle lobby economiche e finanziarie, rimane inefficace davanti alle istanze proposte dai cittadini di M^C^O e dai tanti che lo hanno attraversato. A Milano si continua a svendere il patrimonio culturale e identitario della città, preferendo gli interessi dei privati a quelli dei cittadini, sostenendo una posizione debole rispetto alle rendite fondiarie e procedendo nelle pratiche di gentrification e di privatizzazione dello spazio pubblico"

Il collettivo dopo tutta una serie di spostamenti si era sistemato all'Ex Macello di Viale Molise, una palazzina liberty in stato di abbandono dal 2004. E domenica tornerà a farsi sentire davanti alla sede del Comune di Milano.

Come si legge nel comunicato che è stato diramato, sono già numerose le adesioni alla nuova protesta. Presenti nell'elenco molti personaggi del calibro di Antonio Albanese, Paolo Sorrentino, Francesca Archibugi, Gianni Amelio, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Elio Germano, Silvio Soldini e molti altri.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: