Guerrilla Marketing: striscioni sui palazzi di Corso Buenos Aires


Fotografato ieri sera in fondo a corso Buenos Aires, a pochi metri da Porta Venezia. Ecco una misura di quanto sia intasato il sistema della comunicazione, percui per farsi notare, si debba addirittura tornare indietro nella strategia. Di sicuro questi due gruppi avranno pagine e profili su Myspace. Che nessuno guarderà, figuriamoci.

E quindi come direbbe qualcuno, che fare? Piazzare uno striscione su un palazzo dell'arteria - o in una delle arterie più trafficate - di Milano. Geniale. Ma il web 2.0? Ma i social network? Ma tutte queste meraviglie? Coperte sotto l'odore che brucia nel naso delle bombolette spray su un lenzuolo vecchio; sublime.

Coperte dai fazzoletti "che quando ti soffi il naso lasci il colore con cui hai dipinto", e con le dita sporche di vernice. Bella strategia, che a me fa venire in mente l'altra genialata degli ultimi mesi, quella dei due sposini che vagavano per Milano in mutande, di cui anche noi ci eravamo occupati. Ora, resta solo una cosa da chiarire: chi sia il proprietario di casa che ha permesso tutto ciò, e perchè abbia una giungla sul balcone.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: