MiTo Settembre Musica 2013: presentata la nuova edizione

Edizione più leggera a causa della crisi, ma i grandi nomi non mancano: Zubin Mehta, la Filarmonica di San Pietroburgo, Antonio Pappano.

Dal 4 al 21 settembre riparte MiTo Settembre Musica. Un'edizione un po' più leggera causa crisi (109 appuntamenti invece di circa 200 e 60 spazi coinvolti) che ha portato il Comune ha stanziare un milione e mezzo di euro invece dei quasi due milioni della scorsa. "Non abbiamo arretrato sul fronte della qualità, ma abbiamo raggiunto il limite, oltre non si può andare", ha detto il fondatore Francesco Micheli.

Come, concretamente, questi tagli si riflettono su MiTo è presto detto, basta un esempio: il concerto di apertura alla Scala non è più affidato a una grande orchestra ma all'Akademie fur Alte Musik di Berlino, "esecutori eccellenti" - si affrettano a precisare - ma che costano un terzo delle grandi orchestre (cioè 55mila euro). I nomi grossi comunque non mancano: Zubin Mehta (il 20 agli Arcimboldi), Antonio Pappano (il 21 sempre agli Arcimboldi), la Filarmonica di San Pietroburgo.

Poi ci sono le varie ricorrenze che cadono quest'anno e che saranno debitamente celebrate: i 1700 anni dell'Editto di Costantino porteranno a un concerto in Duomo della Verdi, i cento anni dalla nascita di Benjamin Britten saranno ricordati dal suo erede George Benjamin il 6 e il 16, al Dal Verme; il bicentenario di Giuseppe Verdi con un'esecuzione in chiave jazz del suo requiem il 6 al Monumentale.

C'è spazio anche per gli appuntamenti "non sinfonici": jazz con Franco D'Andrea al Teatro Manzoni, il 10; rock con i Braids, il 7 all'Out Off; elettronica con David Sylvain il 19 all'Alcatraz e la grande festa finale, il 21 agli East End Studios. Qui il programma giorno per giorno.

  • shares
  • Mail