Sgomberata la Pizzeria Occupata di via Cola di Rienzo

Ieri l'intervento della polizia che ha sfrattato le 40 persone che vivevano nella palazzina. Oggi cassonetti incendiati per protesta.

Nel pomeriggio di ieri è stata sgomberata l'Ardita pizzeria del popolo, la palazzina occupata il 23 febbraio scorso in via Cola di Rienzo (zona piazza Napoli). L'operazione della polizia è iniziata alle 14.30, immediato il tam tam sui social network mentre tre ragazzi sono riusciti a salire sul tetto dove sono rimasti per tutto il pomeriggio per protesta contro lo sgombero.

E così, dopo lo Zam della Barona, è la volta di un altro luogo occupato di Milano destinato a tornare nell'abbandono più totale dopo lo sgombero degli occupanti. In serata il rituale corteo di protesta degli antagonisti dalle parti di Piazza Napoli che ha bloccato il traffico in zona e portato ad alcuni momenti di tensione con la polizia.

Ma perché Pizzeria? Alcuni locali al piano terreno della palazzina ospitavano una pizzeria, il cui forno era stato riattivato dagli occupanti - che in qualche occasione avevano anche offerto la pizza ai passanti - e in cui ogni venerdì si teneva una cena popolare. I ragazzi si trovavano dentro lo stabile da più di tre mesi, 35/40 dei quali ci vivevano anche. La palazzina era stata rimessa a nuovo dai ragazzi, visto che lo spazio era ormai abbandonato da anni.

Lascito ecclesiastico per la città, l'area era stata rilevata da un immobiliare che voleva abbattere il palazzo di ringhiera di inizio Novecento per costruirne uno nuovo. Progetti che per il momento sono sempre finiti nel nulla. Lo sgombero però non è stato richiesto dall'immobiliare, ma direttamente dalla Questura con giustificazioni di ordine pubblico.

Oggi invece c'è stata un'azione di protesta da parte di alcuni manifestanti che hanno incendiato cassonetti e danneggiato le vetrine di alcune banche nei paraggi.

  • shares
  • Mail