Formacinema, l'Obraz e il cineclub diffuso

In attesa di una nuova sede, ogni settimana proiezioni e rassegne nelle sale del centro.

Qualcuno si ricorderà dell'Obraz, l'ultimo storico cineclub di Milano che chiuse i battenti nel 1990, sfrattato dal civico 4 di Largo La Foppa. Un luogo in cui molti personaggi che sarebbero poi diventati registi e critici (da Silvio Soldini a Paolo Mereghetti a Gianni Canova) si sono formati. Adesso il figlio di uno dei tre fondatori dell'Obraz, Massimiliano Studer, ha raccolto tutto l'archivio di quel cineclub mettendolo su internet all'indirizzo Formacinema.it.

Ma l'obiettivo è ancora più ambizioso, ed è per questo che contestualmente al sito è nata un'associazione culturale, che ha lo scopo dichiarato di fondare un nuovo Obraz, un nuovo cineclub per Milano. Il tutto sarà spiegato questa sera, al cinema Anteo, da Studer padre e figlio in un incontro che precede la proiezione di Vogliamo Vivere! di Ernst Lubitsch, versione restaurata proprio dalla neonata associazione.

L'incontro sarà all'Anteo, perché una nuova sede l'Obraz ancora non ce l'ha. Ma siccome dalle istituzioni ancora non è arrivata nessuna risposta, l'idea - per il momento - è quella di un cineclub diffuso: rassegne in stile Obraz coinvolgendo le sale del centro il lunedì e il martedì. Si comincia appunto all'Anteo, mentre settimana prossima è in programma Babylon, docufilm girato in un campo profughi tra Libia e Tunisia, che sarà in cartellone all'Apollo.

Sul sito si trova tutta la storia dell'Obraz, i programmi di sala, la rivista Zuppa d'anatra, una nuova rivista (Metropolis) e parecchio altro materiale destinato in primo luogo ai cinefili. Ma il tutto non deve diventare un mausoleo di quello che l'Obraz fu, spiegano gli Studer, ma un canale dal quale far sorgere un nuovo cineclub per la città di Milano.

  • shares
  • Mail