Expo 2015: chi è Paolo Glisenti

Avete letto questo pezzo de L'espresso sull'Expo 2015? Non è male:

Se l'Expo riguarda in primo in primo luogo il Comune, è altrettanto vero che la manifestazione stravolgerà l'intera Lombardia. "Bisogna fare presto, tutto dev'essere pronto entro il 2015" è lo slogan che oggi risuona incessantemente, ogni volta che si parla delle grandi opere inserite nel dossier di candidatura per l'Expo. Due metropolitane, altrettante autostrade, una nuova tangenziale, stazioni e ferrovie: il conto delle infrastrutture previste ammonta a 11,4 miliardi, portando a quasi 16 miliardi la torta da spartire

Per questo all'inizio dell'articolo ci si chiede ironicamente se qualcuno conosca Paolo Glisenti. E' lui l'uomo che terrà in mano il portafoglio, è lui l'uomo che Letizia Moratti ha messo a comandare i lavori per l'Expo 2015. Glisenti chi?

il signor Paolo Glisenti, figlio del più noto Giuseppe Glisenti manager democristiano di razza, dagli anni 50 fino anni anni 80. Il padre di Paolo Glisenti infatti è stato nientepopodimeno direttore centraledell' IRI dal 1955 al 1971, all' IFI finanziaria della della famiglia Agnelli per conto della quale era diventato presidente di Rinascente spa, al guppo Bonomi Bolchini come Vice presidente INVEST e presidente della SAFFA.

Infine, presidente INTERSIND, direttore generale della RAI nella gestione di Paolo Grassi. E ancora: Presidente di Finmeccanica, e poi,durante la presidenza Prodi all'IRI, consigliere di amministrazione negli anni in cui in Italia comandavano Ciriaco De Mita, Andreotti, Forlani, e Craxi. Una carriera di tutto rispetto che fa si che il nostro spin doctor Paolo Glisenti non è uno spin doctor qualunque, ma un uomo che ha una rete di conoscenze e di amicizie notevoli acquisite grazie anche al padre di cui si avvale e che ne fa tesoro. E che la Moratti si tiene ben stretto


Ah già. Il marito di Eliana Miglio.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: