Polizia Locale e sfollagente

manganello telescopico

Come abbiamo già sottlineato in un altro post, la Polizia Locale si sta avvicinando sempre di più alla definizione di Polizia e basta. Più passa il tempo e più le differenze tra poliziotti, addestrati per l'azione, e vigili, addestrati per dare multe, si fanno sempre più labili. Oggi il comandante dei vigili milanesi Emilano Bezzon, ha dichiarato che entro la fine dell'anno 1500 'ghisa' saranno dotati di 'bastone distanziatore'. Riportiamo dall'Ansa:

''I cosiddetti 'bastoni distanziatori' - ha spiegato Bezzon - entro la fine dell'anno entreranno nella dotazione degli agenti piu' direttamente impegnati sul territorio, circa 1.500. Per altri mezzi di difesa - ha sottolineato il comandante della polizia locale - come gli spray al peperoncino, e' invece necessario attendere che il governo modifichi le normative al riguardo''

Prima di tutto direi di evitare gli eufemismi e chiamare le cose con il loro nome, ovvero bastone distanziatore = manganello. In secondo luogo rimane il problema della perdità d'identita di un corpo, i vigli urbani, che in passato era un punto di riferimento dei cittadini, tanto che i milanesi a natale portavano il panettone ai ghisa in servizio! Il vigile bonario e un pò paterno di un tempo, sempre pronto a dare una mano, sta sparendo in favore di una sorta di rambo urbano, per altro non addestrato per interventi di ordine pubblico.

E' possibile un inversione di tendenza, o questo nuovo modello di vigile è necessario a causa della violenza della nostra società?

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: