Tiziana Majolo:"Il giro d'affari dei falsi a Milano? Come quello della droga"

Vi ricordate quello spot che si vedeva prima dei film fino a poco tempo fa? "Ruberesti mai una macchina? Ruberesti mai una borsa?" va bè, se non ve lo ricordate trovate tutto dopo il salto, ma nella versione degli amici del Nido del Cuculo. Secondo Tiziana Majolo, la contraffazione frutta più o meno quanto il mercato della droga, almeno questo è quanto risulta dopo l'ultimo sequestro di oltre settantamila tra cd e dvd fasulli.

Sembra che il mercato del falso in Italia tenga in piedi valga circa 7 miliardi di euro, ovvero come circa un quarto del pil Lombardo, almeno secondo quanto vi avevamo spiegato qualche giorno fa. Su questo link a Il Giorno trovate qualche informazione in più. I laboratori dove venivano prodotti i cd e i dvd contraffatti erano a Napoli, mentre i basisti a Milano:

Il materiale pirata era di eccellente qualità, secondo quanto emerso dagli accertamenti tecnici eseguiti dagli ispettori del servizio antipirateria della Siae, venivano infatti prodotti con strumenti di avanzato livello tecnologico. Da un costo di produzione di 40 centesimi, il materiale veniva venduto nelle strade e piazze ad un prezzo finale di 7 euro per un guadagno complessivo di circa 500 mila euro

Foto: Marcella Bona, Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: