Italiano sequestra e violenta la domestica immigrata

Ferragosto da incubo per una giovane ucraina di 31 anni, immigrata senza permesso di soggiorno. La donna, che viveva lavorando come donna di servizio, è stata chiusa in casa, maltrattata e violentata più volte dal suo datore di lavoro, un italiano di 41 anni.

Il fatto è avvenuto a Quarto Oggiaro, dove la vittima è rimasta segregata per due settimana, costretta a non uscire da casa anche da una bomba rudimentale collegata alla porta d'ingresso. Alla fine la donna, nonostante la propria condizione di immigrata senza permesso, si è decisa a chiamare le forze dell'ordine.

Foto | Veronica Borraccino

  • shares
  • Mail