Milano in declino: lo dicono le più grandi imprese europee

L'European Cities Monitor è una classifica, stilata ogni anno da Cushman e Wakefield, delle migliori città d'affari europee. Viene stilata chiedendo ai ai Senior Manager e ai Board Director incaricati delle location di 500 tra le principali società in Europa di giudicare 34 città europee su una serie di fattori, considerati come più importanti nel determinare le loro scelte di localizzazione. Ebbene, questo rapporto è da qualche anno che "bastona" Milano, e l'edizione 2008 non fa eccezione.

La nostra città perde infatti posizioni nella classifica generale, passando dall'ultimo posto della top-ten al tredicesimo, a causa del sorpasso di città come Zurigo, Ginevra e Düsseldorf. Guardando al dettaglio dei fattori considerati, si scopre poi che Milano perde posizioni su quasi tutti i parametri: la possibilità di trovare personale qualificato (dall'8° posto al 13°), accesso a mercati e clienti (dal 6° al 13°), facilità di trasporto all'interno della città (dal 21° al 24°).

E ancora: verso l'estero e le altre città (dal 13° al 17°), costo del personale (dal 16° al 21° posto), clima per gli investimenti creato dal governo (dal 23° al 33° e penultimo posto, l'ultimo è occupato guardacaso dall'altra città italiana in classifica, Roma), lingue parlate (dal 13° al 18°), qualità della vita per gli impiegati (dal 21° al 24°), libertà dall'inquinamento (dal 31° al 32° posto, a pari merito con Varsavia e davanti soltanto a Mosca).

Miglioramenti? Pochi, la qualità delle telecomunicazioni (dal 14° al 19° posto) e la disponibilità di spazi per uffici (dal 22° al 23°).
Che ne pensate? La nostra è davvero una città in declino?

Foto: _no_, Flickr

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: