Muore a 62 anni Mario Ragni, il discografico di "Si può dare di più"

Cacciato senza pietà a fine 1997 dalla Bmg, Mario Ragni, dalla sede di via Berchet, aveva fatto un pezzettino della storia della discografia italiana - e mi piacerebbe che un amico, che di sicuro ne sa più di me, intervenisse a riguardo - inventandosi featuring che oggi ci fanno forse sorridere, ma hanno fatto la storia della musica italiana.

Un classico per esempio è il trio Morandi-Ruggeri-Tozzi che nel 1987 esortava "a dare di più", o anche il meno noto, ma indelebile duetto Bertoli-Tazenda, di cui trovate il video dopo il salto. Mario Ragni aveva 62 anni. Ecco come si parlava di lui, da vivo, in un pezzo di rockol di appena un anno fa:

Mario Ragni, 61 anni da compiere, è uno della vecchia guardia (uno dei pochi rimasti). Cresciuto nell’epoca romantica in cui i discografici erano spesso e prima di tutto uomini di musica. Magari dispotici, a volte umorali e paternalisti ma anche coraggiosi, creativi e appassionati, gente che i cantanti e gli artisti li adottava come figli scegliendoli d’istinto, non in base ai budget o cercando di immaginare quanto potessero piacere a radio, tv e riviste patinate. Fidandosi dell’intuito e delle proprie reazioni spontanee

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: