Loredana Bertè "tagliata" ai Magazzini Generali


"Maneggiare con cautela" c'è scritto sui contenitori di certe sostanze esplosive; e lo stesso dovrebbe valere per un personaggio della caratura di Loredana Bertè, una delle poche rockeuse che la musica pop italiana abbia mai avuto. Certo, chi la ingaggia puntando sul richiamo garantito dal suo nome, dovrebbe saperlo prima. Ieri sera Loredana era la madrina all'inaugurazione di PourHomme, la nuova serata gay del sabato ai Magazzini Generali, in via Pietrasanta a Milano.

Lo spettacolo prevedeva appunto che la cantante si esibisse prima che cominciasse la discoteca vera e propria; e all'una Loredana stava ancora cantando, sulle basi, vecchi e nuovi successi di una carriera certamente di tutto rispetto. Il guaio è arrivato quando, durante l'esibizione che forse si stava prolungando oltre il previsto, il suo microfono è stato spento e il vocalist della serata ha annunciata che "È stata con noi la grande Loredana Bertè". Apriti cielo! La cantante è montata su tutte le furie, ha acchiappato un altro microfono e ha urlato, fra gli applausi, che "A me nessuno ha mai spento il microfono. Questo non si fa!". Con un enorme cappello in testa ha provato a ricominciare l'esibizione, ma a quel punto era già partita la musica da discoteca e per lei non c'era più tempo.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: