Milano rilancia la Cultura: con un invito ai mecenati della moda per salvare la galleria

2009 e cultura. Ieri alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative culturali per l'anno nuovo uno scatenato Finazzer Flory ha annunciato una valanga di iniziative per valorizzare e far conoscere il patrimonio culturale di Milano. Anzitutto la proroga sino al 17 dicembre della mostra del Caravaggio a Palazzo Marino, con apertura straordinaria sino alle 22.30. Per l'anno nuovo poi tante promesse. Anzitutto la sostituzione delle vecchie segnaletiche dei monumenti, quelle gialle, illeggibili. Al loro posto segnaletiche innovative (?) integrate, 81 stendardi per 81 punti di interesse culturale. E ancora 9 lezioni di storia dedicate alla città intitolate I Giorni di Milano a partire da marzo; la Notte Bianca dei Musei in occasione del Miart 2009; la creazione di un social network come piattaforma virtuale di riflessione sulla cultura; coupon gratuiti per i 75.000 studenti delle scuole elementari e medie per la visita di un museo; incontri letterari ispirati all’opera di Alessandro Manzoni; l’evento FuturisMI dedicato al Futurismo.

In chiusura conferenza (come documento il video degli amici di C6 Tv) l'Assessore Flory ha parlato dell'esito dell'ultimo bando per la ristrutturazione della pavimentazione, andato deserto: "inché non offriamo una strategia culturale dei nostri spazi il mercato non ci capirà, serve una governance". L'Assessore poi, con un colpo di coda degno di un caimano, rivolge un appello alle multinazionali della moda affinché si spendano un po' di più per la città: "Voglio vedere i mecenati in galleria. Quanto prima voglio incontrare le istituzioni della moda per presentargli un progetto preciso per consentirci di finanziarci".

  • shares
  • Mail