Parcosud. domani si vota per l'espasione urbanistica

parcosud

Braccia rubate all'agricoltura? Magari. Il pericolo sono gli spazi rubati all'agricoltura. Giulia Maria Crespi, presidente del Fai (Fondo ambiente italiano), intervistata dal Corriere sulla questione Parco Sud esprime non poche paure. Il consiglio direttivo del Parco agricolo Sud con una delibera votata la scorsa settimana ha aperto la strada a un'espansione urbanistica nel verde, secondo la quale le amministrazioni potranno costruire su 5 km quadrati dei 470 totali di terreno agricolo.

Per domani è prevista la riunione dei 61 sindaci dei Comuni che voteranno sui "temi della variante del Piano territoriale di coordinamento e del Piano di fruizione del Parco Sud". In pratica discuteranno e voteranno sulla modifica urbanistica dell'8% del Parco Sud. Nell'intervista La Crespi, da anni convinta sostenitrice dell'agricoltura biodinamica, parla anche di una contraddizione in termini: "dedicano l'Expo 2015 all'alimentazione e poi lasciamo che le cascine chiudano".

Sul sito del Parco Sud, nello spazio dedicato agli obbiettivi di tutela e salvaguardia, si legge la seguente: "Un Parco che intreccia, in un'esperienza forse unica a livello europeo, motivi di salvaguardia e tutela del territorio con la difesa di una funzione economica come quella agricola che ha segnato la storia dello sviluppo economico di quest'area; un Parco che deve tenere conto di una domanda sociale sempre più ampia o alla ricerca di spazi aperti, fruibili e ricchi di significativi valori culturali, il tutto in un contesto di area metropolitana tra le più sviluppate del Paese".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: