Baby gang al femminile: la sentenza del Tribunale

“Il centro di Milano in ostaggio delle baby gang” è il ridicolo titolo ad effetto di Panorama che vuole suscitare paura e forse rievocare atmosfere violente tipo “Italia a Mano armata”, indimenticabile poliziottesco del 1976. Sembra quasi che i giovanissimi, in questo caso un gruppo di ragazzine emo, vogliano destabilizzare il sistema sociale con episodi violenti e aggressioni ispirate ad Arancia Meccanica.

Sopra vi propongo un documentario di Repubblica.it, forse ad uso e consumo dei genitori il cui pensiero turbante è: “ma mio figlio si taglia le braccia con le lamette!?”, che a suo modo ha fatto epoca scatenando discussioni interne alla categoria e parodie di cui abbonda youtube. In esso ci vengono descritti gli emo, questa variopinta frangia sottoculturale che a Milano è solita trovarsi il sabato in zona Ticinese, girare per negozi, raccontare quanto si è depressi e... rapinare altri teen-ager, naturalmente.

È stato emesso ieri, dal tribunale dei minori, il verdetto per queste baby rapinatrici che il 17 aprile scorso rubarono cellulare e portafoglio di due quindicenni. Le stesse che il 7 febbraio minacciarono due ragazze ventenni con un coltellino svizzero, ma queste si rifugiarono in un negozio e la rapina non andò a buon fine. Due denunce a piede libero e due ordinanze di custodia cautelare, in sostanza, ciò che ha deciso il giudice.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: