Caviale alla mensa dei poveri: il regalo "regale" della Forestale

miracolo

Sui tavoli della mensa dei poveri per Natale comparirà magicamente del pregiatissimo caviale Beluga. Sembra davvero "Un Miracolo a Milano", una scena che avrebbe potuto concepire De Sica nel celebre film dove i senzatetto erano i protagonisti di una favola surreale. Un buona idea, in tutti i sensi. In origine le uova di storione erano destinate al mercato nero. Poi l'arresto della banda italo-polacca e il sequestro: oltre 40 kg di caviale beluga per un valore commerciale intorno ai 400 mila euro.

Merce destinata, come prassi, ad andare in fumo. Bruciata. Qui l'idea: regalare l'oro nero ad associazioni che si occupano di povertà. "Abbiamo pensato di fare un regalo natalizio a chi non può permettersi il caviale", racconta Juri Mantegazza, dirigente della Forestale di Tradate (Varese). Domenica mattina a Busto Arsizio si svolgerà la prima donazione alla Provvidenza di via San Giovanni Bosco, un ospizio per anziani. Nei prossimi giorni invece toccherà a diversi altri enti, del varesotto e del milanese, tra cui la Croce Rossa di Varese e di Milano, l’associazione Fratel Ettore di Milano che si occupa di sostegno ai poveri, e la Casa Carità di Milano.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: