Milano celebra il Futurismo anche a teatro

La prima celebrazione - la "Rissa futurista" in Galleria - è finita con un fuori programma grazie all'intervento dei vigili. Adesso arrivano due spettacoli teatrali, due anteprime, sempre a Milano per festeggiare il centenario del Futurismo, con la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi.

Stasera, con replica domani, debutta “Short ride in a fast machine”, una prima assoluta della coreografa Lucinda Childs, pioniera della danza minimalista americana, nell'ambito della didattica formativa del corso. “La danza contemporanea – secondo l’assessore alla Cultura Finazzer Flory – è probabilmente il genere culturale che più si avvicina all’idea di performatività, al bisogno di trasformazione, al desiderio di libertà a cui si riferisce il Futurismo. Questo spettacolo è al tempo stesso teoria e pratica del Futurismo”.

In apertura delle serate, gli allievi del primo anno del corso di Teatrodanza proporranno un’altra nuova rappresentazione: “Oscillazioni”, performance-installazione su testo di Luciano Folgore e coreografia di Emanuela Tagliavia. Senza l'irruzione dei vigili sarà tutto un po' meno "futurista", ma di certo più tranquillo. E l'assessore non dovrà indignarsi un'altra volta.

  • shares
  • Mail