Taxi milanesi più cari d'Europa? La categoria smentisce: "Tabelle lette male"

taxi milanesi? sono in linea col resto d'italia

I tassisti, dopo la storica protesta anti-Bersani del 2007, sono una categoria “patrocinata” dal centro- destra, tanto che anche loro hanno una piccola parte nel mitico video ufficiale della scorsa campagna del PDL. Ora, come praticamente tutti gli altri gruppi professionali, lamentano crisi e invocano aiuti e sovvenzioni.

In un precedente post, 02blog rilanciava la notizia, data dalla stampa al gran completo, che le tariffe dei taxi milanesi sono tra le più care d'Europa; Repubblica ci andava pesante parlando di tariffe d'oro e allegando eloquenti tabelle. Immediata la smentita sul sito dei conducenti milanesi legati alla CGIL in cui raccontano la loro Verità. La tabella sarebbe stata letta male: i costi a Milano, sebbene più alti sarebbero in linea col resto d'Italia (dice Giovanni Maggiolo, Presidente Unica Filt CGIL), e tra le fasce basse d'Europa. La tabella di Repubblica, inoltre, non considererebbe la trasparenza delle tariffe milanesi e che non esiste alcun supplemento di fine corsa.

Lo schema completo, preparato ed elaborato da Unica Filt CGIL, lo trovate in questo PDF dove sono inseriti anche i siti da cui sono stati tratti i dati. Personalmemnte condivido pienamente un'affermazione di Piero Colaprico su Repubblica di ieri:

ma perché mentre non si litiga con le tariffe del macellaio, si litiga con le tariffe dei tassisti? Io me lo chiederei, se fossi un conducente d'auto pubblica.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: