Il belvedere sul Pirellone aperto al pubblico



Sono stati completati ieri i lavori per il restauro del 31° piano del Pirellone iniziati dopo l’incidente del 2002. Giulio ha già segnalato la cosa, e si domanda se Formigoni non abbia esagerato con l'attribuire al Pirellone la targa di capolavoro dell’architettura mondiale. In ogni caso, capolavoro o no, il "Belvedere" che Giò Ponti ha voluto come una sorta di teatro aperto sulla città, sarà restituito ai cittadini. Da un'altezza di 127 metri sono 4500 i metri quadri che nelle intenzioni dell'amministrazione diventeranno uno spazio aperto ad esposizioni temporanee, conferenze, concerti ed eventi vari.

Un bel punto d'osservazione sulla città e la regione e sul quale, tronfio, Formigoni ci ha messo il suo bollino d'eccellenza: "Lavori di ristrutturazione completati nel rispetto delle idee originarie di Ponti e con l’obiettivo di rendere fruibile per i cittadini e i visitatori uno spazio unico e dal grande fascino". I lavori sono constati 2,9 milioni, convinti che anche questa sia "un’opera pubblica su cui investire in un momento di crisi".

Intanto un piccolo assaggio anche per il contribuente che intende vivere l'esperienza della vertiginosa altezza. Sabato 28 (e poi da lunedì 2 a sabato 7 marzo) il 31° sarà aperto alle visite dei cittadini (Si può prenotare sin da ora il tour guidato e gratuito al Grattacielo Pirelli inviando una mail a belvederepirelli@operadartemilano.it o telefonando allo 02 45487406). Domenica ci sarà la Vertical running, già segnalata sotto da Carlo, dopo la quale anche i cittadini potranno raggiungere l'ultimo piano tramite i 710 scalini o usando l'ascensore. E' il "Vertical Tour", una prova non cronometrata a passo libero. Non occorre prenotare in anticipo, sarà sufficiente presentarsi in giornata ai punti di accredito in Piazza Duca D'Aosta. Domenica 8 marzo, dalle 10.00 alle 18.00, ci sarà un "Open Day" per tutti.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: