Finiti gli scavi della metro 5, al via la seconda fase

Entro la fine del 2013 verranno aperte le due nuove stazioni Isola e Garibaldi. Entro maggio 2015 saranno aperte anche le stazioni interessate da Expo 2015 e nell'ottobre dello stesso anno dovrebbe essere completata l'intera tratta

La metropolitana lilla di Milano non si ferma. Dopo l'inaugurazione, avvenuta lo scorso 10 febbraio, da oggi parte la seconda fase di realizzazione della Metro 5, la linea lilla.
Sono infatti stati completati gli scavi dell'ultima tratta della metro dopo che l'ultima talpa ha abbattuto il tratto dal Cimitero Monumentale a Pozzo Orafi, nell'area di CityLife. Questa ultima galleria ha una lunghezza di 3 chilometri: sono stati scavati tutti i tunnel necessari e si passera' ad una seconda fase di armamento, impianti e finiture.

Si tratta di un passaggio fondamentale per la realizzazione della seconda tratta della nuova linea lilla, che sancisce il rispetto dei tempi di realizzazione dei lavori.

Entro la fine del 2013 verranno aperte le due nuove stazioni della linea 5 Isola e Garibaldi che porteranno il tracciato aperto al pubblico a 5,5 chilometri per un totale di 9 stazioni. Entro maggio 2015 saranno aperte anche le stazioni interessate da Expo 2015 e nell'ottobre dello stesso anno dovrebbe essere completata l'intera opera, per complessivi 12,6 km di percorso su 19 stazioni.

Grande soddisfazione da parte del sindaco Giuliano Pisapia, che ha dichiarato:

E' grande la soddisfazione per questa nuova importante tappa del cammino che porterà a Milano l'intera metropolitana lilla, un'opera strategica non solo per Expo 2015, ma per il futuro della mobilità sostenibile della nostra città. Il mio ringraziamento per questa bellissima sorpresa va innanzitutto ai lavoratori dei cantieri della metropolitana 5, senza i quali la realizzazione di quest'opera sarebbe impossibile.

Non nasconde, invece, una certa preoccupazione l'assessore ai lavori pubblici Pierfrancesco Maran:

Certo, resta la preoccupazione che Stato e Regione decidano di non rispondere al nostro appello di alzare il contributo per la gestione del trasporto pubblico di Milano. Un contributo che negli ultimi anni si e' addirittura abbassato, mentre il servizio continua a crescere e gli abbonamenti restano i più bassi d'Europa. Mi auguro dunque che Stato e Regione decidano di collaborare e non, al contrario, di far ricadere il costo dei maggiori servizi sui cittadini

I lavori dunque stanno rispettando i tempi stabiliti e riuscire a poter contare su un'efficienza dei mezzi pubblici è una prerogativa delle grandi città come Milano.

  • shares
  • Mail