Amianto nelle scuole, 34 milioni per la bonifica

Interventi immediati in alcuni edifici, nessun problema per la sicurezza degli utenti. Un'indagine che va avanti dal 2011 e che ha permesso di identificare 23 plessi scolastici da bonificare

Amianto nelle scuole: un'indagine che va avanti dal 2011 e che ha permesso di identificare, finora, 23 scuole elementari e medie nelle cui strutture è presente il pericoloso materiale.

In alcuni edifici si è deciso di intervenire immediatamente perché l'amianto è diffuso in molti ambienti, anche se gli esperti affrettano a precisare che non c'è stato alcun pericolo per la salute degli alunni e degli operatori delle scuole: si tratta delle primarie di Via Viscontini, Viale Puglie e Via Strozzi. Gli studenti verranno trasferiti rispettivamente in Viale Cilea, Via Oglio e Via Scrosati.

Per gli altri istituti non c'è la stessa urgenza, perché l'amianto sarebbe presente solo sui tetti e sulle parti di copertura e la bonifica si farà in breve tempo e con meno problematiche. Dentro, gli immobili sono puliti, l'utilizzo è sicuro al cento per cento, ma è comunque necessario pensare a un piano di risanamento.

L'annuncio è stato fatto dall'assessore ai lavori pubblici Carmela Rozza, che non ha risparmiato qualche polemica con l'amministrazione precedente:

Quando siamo arrivati a Palazzo Marino le indagini sull'amianto erano state fatte sulle materne, i nidi e le elementari comunali. Mancava completamente l'indagine sulle scuole statali in immobili di proprietà comunale. Così abbiamo dato mandato a un'azienda specializzata che sta ancora svolgendo il suo lavoro. Quando ci sono arrivate le prime segnalazioni siamo immediatamente intervenuti sulle situazioni più gravi, quelle per intendersi dove la presenza d'amianto era più invasiva: dalle pareti, ai pavimenti, persino nelle colle, ma non nell'aria.

Il piano di risanamento di Palazzo Marino è già operativo per nidi, materne ed elementari comunali: un investimento di circa 34 milioni di euro, soldi che serviranno anche alla manutenzione straordinaria degli edifici scolastici.

  • shares
  • Mail