Omicidio in Chinatown - Preso a Teramo l'assassino per gelosia

Omicidio Paolo Sarpi
Trentasei ore, tanto è durata la fuga di Zhang Yong, il responsabile dell'omicidio passionale avvenuto venerdì sui marciapiedi di Via Paolo Sarpi, nel cuore della Chinatown milanese. Un gesto di violenza improvvisa, dovuto a motivi di gelosia nei confronti di una ex che non lo voleva più vedere, così ha cercato di giustificarsi l'uomo.

Un gesto che rischia di gettare ulteriori problemi sul quartiere milanese al centro di forti polemiche tra chi vuole i commerci cinesi lontano dal centro cittadino, chi sogna l'isola pedonale e chi invece vorrebbe cambiare tutto nuovamente.

La comunità cinese, questa è una notizia che significa molto, ha collaborato attivamente nella ricerca dell'omicida. Yong era già arrivato in un paese della provincia di Teramo da cui aveva in programma di partire per l'estero e far perdere definitivamente le sue tracce, invece è stato bloccato con ancora in tasca una fotografia della ragazza che ha motivato il suo gesto.

Intanto l'atmosfera che si respira in Via Paolo Sarpi è quanto mai elettrica e la tensione non è ancora calata, ma la calma è tornata tra biciclette e carrellini. Dopotutto il commercio non si ferma mai.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: