Mafia a Milano: Villa e terreni a Chiaravalle e altri 12 beni confiscati

Un complesso immobiliare con annesso terreno agricolo di venti ettari a Chiaravalle, oltre a otto appartamenti e a quattro box sparsi in tutta la città. Beni sottratti alla mafia che il Comune adesso mette a disposizione della collettività per finalità sociali.

La confisca dei bene alla mafia è una realtà anche a Milano. L'ultima, questa a Chiaravalle, segue a numerose altre confische di beni appartenenti ad affiliati. Ad oggi sono 130 le proprietà sequestrate e confiscate alle mafie e assegnate finora dallo Stato al Comune di Milano.

Il Comune ha predisposto un bando per comunità, enti e associazioni, che hanno tempo fino al 28 ottobre per candidarsi alla gestione del complesso immobiliare di via Sant’Arialdo 69, proprietà situata nell’area dell’abbazia di Chiaravalle, composta da due tipiche grandi case lombarde, un vasto giardino con frutteto e un terreno agricolo. Per gli altri dodici beni, invece, la scadenza per richiederne l’assegnazione è fissata al 30 settembre.

A giugno il complesso di Sant’Arialdo è stato consegnato al Sindaco dall’Agenzia nazionale per i beni confiscati e oggi apriamo il bando per assegnarlo alle realtà del sociale. Il bene sarà destinato a progetti per famiglie in difficoltà e a occasioni di socialità per la città. In più, mettiamo a disposizione anche degli appartamenti che verranno utilizzati, ad esempio, per ospitare padri e madri separati e donne vittime di violenza e abusi. L’utilizzo dei beni sottratti all'illegalità ha una funzione sempre più rilevante nella costruzione della coesione sociale.

In autunno ci saranno alcune attività proprio per sensibilizzare l'opinione pubblica su questa realtà. A novembre appuntamento con la seconda edizione del Festival dei beni confiscati alle mafie. Nello stesso periodo aprirà il social market di via Leoncavallo che permetterà alle famiglie in gravi difficoltà economiche di acquistare prodotti di prima necessità a prezzi calmierati. Il social market ha sede in un bene confiscato, appartenuto a una persona di riferimento per il traffico di droga tra Milano e Palermo. Di seguito l’elenco dei beni oggetto del nuovo bando, oltre al complesso di via Sant’Arialdo:

via Arzaga n. 13 (2 appartamenti e 1 box);
via Mosca n. 198 (1 appartamento);
via Asiago n. 51 (1 box);
via Cambiasi n 14/4 (1 appartamento);
via Leoncavallo n. 12 (1 appartamento);
viale Monza n. 130 (1 appartamento);
via Bembo n. 23 (1 appartamento);
via Brusuglio n. 73 (1 box);
via Sarca n. 91 (1 appartamento);
via S. Marcellina n. 4 (1 box).

  • shares
  • Mail