Bicentenario nascita Giuseppe Verdi: il programma della rassegna "Verdi a Milano"

Dal 10 ottobre al 27 gennaio 2014, in programma oltre ottanta eventi tra concerti, mostre e iniziative

In occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, Milano dedica al grande compositore la rassegna "Verdi a Milano", che partirà domani, 10 ottobre, giorno della sua nascita nel 1813. Si concluderà il 27 gennaio, giorno della sua morte nel 1901.

L'assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha spiegato:


"'Verdi a Milano' vuole celebrare non solo il grande musicista e compositore, ma anche l’intellettuale e l’uomo, che era profondamente inserito nel contesto culturale, sociale e anche politico della Milano dell’Ottocento. Per questo il palinsesto non prevede solo concerti e rappresentazioni delle sue opere, ma anche mostre, nelle nostre sedi espositive ma non solo, incontri pubblici di approfondimento della sua figura ‘a tutto tondo’, letture sceniche, film e persino due app, che ci accompagneranno in un viaggio, l’una alla scoperta dei luoghi verdiani di Milano, l’altra tra i suoi documenti, lettere e spartiti"

Il Teatro alla Scala sarà il cuore dell'intera manifestazione: giovedì 10 ottobre aprirà le sue porte alla città con ingresso libero, dalle 10 alle 18. Il pubblico potrà accedere al Foyer d'ingresso e al Ridotto dei Palchi "Arturo Toscanini", dove saranno proiettati su grande schermo, un documentario sulle terre di Verdi, estratti di video storici della Messa da Requiem con grandi direttori scaligeri del dopoguerra e l'ultima registrazione dal vivo, integrale, del Requiem diretto da Daniel Barenboim nell'estate del 2012. Dal Ridotto dei Palchi, si potrà visitare anche il Museo Teatrale, che nelle quattro sale superiori offre la visita, sempre gratuita, della mostra "1913-2013. Un tesoro centenario". Alle ore 20 la giornata si concluderà con una serata, nella sala grande del Teatro, durante la quale saranno letti brani scelti dalle lettere.

Sempre alla Scala saranno rappresentete entro la fine del 2013 tre grandi opere di Verdi: Aida, Don Carlo e La Traviata (quest'ultima protagonista della Prima del 7 dicembre).

Si potrà ascoltare la musica di Verdi anche al Teatro degli Arcimboldi: il 29 e 30 ottobre andrà in scena Otello, mentre all’Auditorium di largo Malher il direttore Zhang Xian e l'Orchestra Verdi (7, 8 e 10 novembre) eseguiranno la Messa da Requiem. Inoltre il Teatro Verdi festeggerà, insieme ai 200 anni dalla nascita del compositore, anche i propri 100 anni di attività, con un'opera teatrale intitolata "Notturno Verdi".

Tre le tantissime iniziative in programma (oltre ottanta) anche un omaggio cinematografico al MIC-Museo Interattivo del Cinema, che proporrà video d'epoca e affreschi della società in cui Verdi ha vissuto. Cinema anche a Palazzo Morando|Costume Moda Immagine: nel mese di novembre si potrà partecipare alla rassegna "S'offerse al guardo mio".

Per vivere infine appieno i festeggiamenti, sono state anche create due app: "Verdi e Milano" (per iPhone e iPad, una guida attraverso i luoghi legati a Verdi. L'applicazione è scaricabile presso le mostre verdiane di Palazzo Morando e Palazzo Moriggia) e "Giuseppe Verdi - Master Composers" (scaricabile su iTunes Store. Si tratta di una timeline interattiva sulla vita del Maestro e sul contesto storico).

Bicentenario Verdiano: il Governo invia a Milano 500mila euro

Tra poche settimane ricorrerà il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e per l'occasione nel nuovo decreto firmato dal Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo Massimo Bray sono stati assegnati ulteriori fondi.

L'assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha commentato:

"Tutta la città di Milano festeggerà in maniera adeguata il bicentenario di Giuseppe Verdi attraverso una serie di iniziative che ne disegneranno un ritratto a tutto tondo. Le celebrazioni coinvolgeranno tutte le principali istituzioni cittadine, non solo musicali, ma anche culturali, per permettere alla città intera di conoscere le tante sfaccettature di questo grande artista che non fu solamente musicista, ma uomo di pensiero e azione"

A marzo il Comitato Promotore per le celebrazioni verdiane aveva già finanziato con 310mila euro il restauro della nuova ala della Galleria d'Arte Moderna, per realizzare nelle sue sale la mostra "Giuseppe Verdi e le arti". Il nuovo finanziamento invece ammonta a 190mila euro e interesserà tutta la città di Milano. Il totale quindi ammonta a 500mila euro.

I progetti


Sono 6 i progetti scelti:

1. Alla Prima della Prima (della Scala, con "La Traviata") saranno destinati 30mila euro. L'Opera verrà proiettata in diretta con ingresso libero in numerosi spazi (teatri, auditorium, spazi culturali, cinema e nelle carceri di San Vittore, Opera e Bollate). Nei giorni precedenti sono previsti anche incontri, proposte musicali e teatrali, letture, lezioni, conferenze e laboratori per bambini sulla figura e le opere di Giuseppe Verdi presso musei, biblioteche e teatri istituzionali. Infine, è prevista la filodiffusione di arie verdiane tratte dagli archivi della Rai, selezionate da RaiRadio 3, in Galleria Vittorio Emanuele II, nei mezzanini della metropolitana, nei parcheggi dell’aeroporto di Linate e in alcuni supermercati.

2. 30mila euro saranno destinati a "Veni vidi Verdi", la mostra curata da Peter Bottazzi, che da ottobre 2013 si terrà a Palazzo Morando.

3. Previsto un programma di concerti e incontri dell'Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, che si terranno in diversi luoghi, tra cui Casa Manzoni, Grand Hotel Et de Milan, Casa di Riposo Verdi, Gli Amici del Loggione. Richiesto dall'Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi (45mila euro).

4. Restauro conservativo della Sala Toscanini e della sala da pranzo al primo piano della casa di riposo per musicisti Casa Verdi (25mila euro).

5. Restauro della sala dei cimeli verdiani presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, del materiale documentario e per la digitalizzazione dei documenti (50mila euro).

6. Mostra tematica storica "Giuseppe Verdi e i pittori della musica. Cento anni di editoria musicale negli spartiti illustrati (1840-1940)", che si terrà a Milano presso la Biblioteca nazionale Braidense dal 3 ottobre al 9 novembre (10mila euro).

  • shares
  • Mail