Expo 2015: il sito per controllare il cantiere di Rho-Pero

Controllare lo stato dei lavori passo dopo passo via internet. Ma al momento non è stato completato nulla.

L'Expo 2015 è sin dall'inizio alle prese con una miriade di problemi tra ritardi e incidenti di percorso vari. Ragione per la quale è sicuramente coraggiosa l'idea di pubblicare un sito internet che monitora il cantiere Rho-Pero, un sito ufficiale che permette di verificare passo passo l'andamento dei lavori.

E in effetti le foto che si trovano nella homepage mostrano il cantiere prima dell'inizio dei lavori, il cantiere oggi, il cantiere come sarà. Non stupisce che ad oggi tutto ciò che si vede è una recinzione arancione che circonda un mare di terra nuda. Mentre nella sezione "stato dei lavori" si vedono le "opere previste" e le "opere attualmente in costruzione", mancano ancora del tutto le opere già concluse.

La speranza è che l'accelerazione impressa ai lavori riesca a sopperire ai ritardi che nel tempo si sono accumulati, anche perché la tabella di marcia è di quelle serrate; entro aprile 2015 dovranno essere completate (come si legge sul sito):


    Le passerelle sopraelevate per accedere al Sito.
    Gli spazi espositivi dei Paesi Partecipanti e i Cluster (spazi comuni identificati da diverse declinazioni del tema portante), ovvero le due modalità attraverso cui i vari Paesi partecipano all’Expo.
    Le Aree Corporate riservate alla partecipazione delle aziende.
    La Cascina Triulza (opere di ristrutturazione e riqualificazione).
    Le strutture destinate ad accogliere i grandi eventi (Open Air Theatre, Expo Centre).
    Le altre Aree Tematiche non comprese nella Piastra (Padiglione Zero, Parco della biodiversità, Children park).
    Le Architetture di Servizio (bar, ristoranti, servizi igienici, ecc.).
    Gli spazi per i giornalisti e per la comunicazione media (International Media Centre).

Quella che si sta costruendo è una vera e propria città, che avrà il suo momento di gloria (almeno si spera) nel momento in cui l'Expo sarà attivo, ma che suscita molti dubbi sull'uso che si farà di tutte queste strutture una volta che sull'esposizione universale calerà il sipario. Sul sito infatti si sottolinea come l'Expo è "destinato ad avere ripercussioni positive sul territorio, in particolare sul sistema turistico e ricettivo"; quello che non si capisce è che cosa ne sarà di tutto questo una volta che l'esposizione universale sarà conclusa.

  • shares
  • Mail