Primo giorno di scuola 2013: in Lombardia tutti sui banchi il 12 settembre

Problemi durante il concorso per la nomina dei nuovi dirigenti scolastici

In Lombardia la campanella del primo giorno di scuola suonerà il prossimo 12 settembre - anche se molti studenti sono già tornati negli istituti per recuperare i 'debiti' -.

Per quanto riguarda la città di Milano il Comune ha fatto sapere che sono pronte cinque nuove strutture per l'attività scolastica 2013-14 (via Cilea, via Scrosati, via Polesine, via Oglio e via San Colombano), che ospiteranno gli studenti degli istituti di via Viscontini, via Strozzi, viale Puglie e via Martinelli chiusi in via precauzionale a giugno a causa della presenza di amianto. In via Brocchi invece è stata realizzata la messa in sicurezza dell'edificio, che ha evitato il trasferimento degli alunni in una nuova sede, e saranno completate le palestre in via Oglio e via Brocchi. Per la riqualificazione dell'edilizia scolastica sono in corso opere per oltre 153 milioni di euro, e ce ne sono altre pronte per partire (39 milioni di euro). In programma, ad esempio, ci sono la ristrutturazione del plesso via Bergognone, il riordino della scuola elementare di via Cittadini, la demolizione e ricostruzione dell'edificio scolastico di piazza Axum, la demolizione di quello in via Pisa, la realizzazione di un asilo nido e di una scuola materna nell'area dell'ex Maserati, la demolizione e ricostruzione della scuola materna di via del Volga 7 e la messa in sicurezza e il parziale recupero funzionale del padiglione ex convitto della scuola del parco Trotter. Tra i lavori in corso ci sono anche opere di manutenzione per la prevenzione degli incendi e lavori per la bonifica dell'amianto.

Sono in corso, inoltre, opere per il miglioramento delle strutture scolastiche: interventi per oltre 15 milioni per conseguire l’idoneità statica degli edifici, 10 milioni per altri adeguamenti concordati con Asl, 5 milioni per la manutenzione delle palestre, oltre 4 per la riqualificazione dei refettori.

Intanto nei giorni scorsi il Ministero dell'Economia ha dato il via libera all'assunzione di 11.200 docenti in tutta Italia, che garantirà, nelle intenzioni del ministro Carrozza, l'avvio regolare delle lezioni in tutte le scuole, ma secondo i sindacati le assunzioni sono comunque insufficienti. Senza contare il problema irrisolto degli insegnanti di sostegno, ancora troppo pochi rispetto al numero degli alunni con problemi.

Pochi giorni prima dell'avvio delle lezioni resta in sospeso anche la questione dei dirigenti scolastici, i cui concorsi sono stati annullati dal giudice amministrativo: tra l'altro, in Lombardia, un errore nella scelta delle buste contenenti il cartoncino con le generalità dei candidati ha determinato l'annullamento di alcune fasi della procedura, quindi il concorso non si è potuto concludere in tempo per dotare di nuovi dirigenti molte scuole attualmente scoperte.

Le famiglie anche quest'anno dovranno poi affrontare il problema del caro-libri: secondo il Codacons quest'anno i prezzi aumenteranno del 5%, ma il ministro ha ricordato la direttiva del Miur in merito, che ha fissato un tetto massimo al costo totale dei testi adottati.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail