Paolo Sarpi - Addio progetto isola pedonale?

Sapri TaxiNon è che ne sentissimo la mancanza, ma torna la soap opera dell'isola pedonale di Via Paolo Sarpi, un progetto infinito con il preciso scopo di allontanare il commercio dei grossisiti cinesi che per ora non ha sortito alcun effetto tranne quello di fare arrabbiare sia i residenti che i commercianti riuniti sotto il nome Ales.

Riassumiamo brevemente. Attivata la ZTL, da Via Paolo Sarpi sono state allontanate le automobili a esclusione di taxi e residenti, ma anche le linee urbane degli autobus. L’Associazion Liberi Esercenti Sarpi (ALES) che già anni fa aveva richiesto interventi per la pedonalizzazione dell'area ha a gennaio aveva fatto la voce grossa contro il Comune minacciando una denuncia. L'accusa era quella di non aver rispettato i patti e che le decisioni prese hanno seriamente minato i loro commerci (ma non c'era la crisi? n.d.r.). Oggi sembra che il Comune voglia fare un passo indietro verso il progetto di completa pedonalizzazione dell'area, anzi Paolo Sarpi potrebbe riaprire al traffico privato, incassando così le vivaci proteste sia di commercianti che di residenti.

Il progetto proposto dall'assessore Maurizio Cadeo prevede che la strada potrà essere percorsa in due blocchi, in senso opposto. In questo modo si potrà raggiungere i negozi ma non transitare lungo tutta la via, riducendo il volume di traffico rispetto al passato. Risultato? Tutti arrabbiati e i cinesi sono sempre lì coi i loro carrellini...

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: