I vigili urbani dallo psicologo per impararare a fare le multe



Succede ad Ascoli Piceno. Una full immersion curata da Paolo Rossi, psicologo del lavoro, autore di un volume dal titolo apparentemente paradossale ‘Come multare gli automobilisti e farseli amici’. "Armarsi psicologicamente" è il titolo del seminario che impegnerà i 56 vigili di Ascoli la cui prima causa di infortunio sono le aggressioni dei cittadini infuriati dalle contravvenzioni.

In una città che notifica 1.260.000 multe, la psicosi da contravvenzione è ormai insita nel DNA dell'automobilista. All'esborso (giusto o ingiusto che sia) si aggiunge (spesso) la poca lungimiranza di chi ha l'ingrato compito. Chi di noi, almeno una volta, si è risentito alla richiesta del ghisa di turno che ci intima la consegna dei documenti in una maniera non certo gentile?

Per un'analoga iniziativa a Milano si potrebbe riempire il FilaForum, visto che il corpo dei vigili conta più di 1500 agenti. Servirebbe a qualcosa? Sarebbe meno gravosa per il cittadino una contravvenzione estorta con un sorriso? Voi che ne pensate? Più psicologia (più sorrisi e più cortesia?), equivarrebbe allo zuccherino che rende meno amaro il boccone della contravvenzione?

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: