Piste ciclabili a Milano: via ai lavori per l'anello da Sempione al Duomo

5 chilometri di lunghezza per un anello che attraverso il centro-nord della città. Il tutto sarà pronto in tempo l'Expo.

Le piste ciclabili a Milano continuano a espandersi - anche se va detto che troppo spesso si tratta solo di linee gialle disegnate a bordo della carreggiate che diventano facilmente vie comode comode per parcheggiare la macchina o altri usi non proprio consoni - e l'ultimo progetto in ordine di tempo riguarda l'anello ciclabile che corre attorno al Parco Sempione per andare a finire in Piazza Duomo.

5 chilometri di lunghezza da Corso Sempione al Castello Sforzesco per poi attraversare piazza Castello, piazza Cairoli, via Dante, piazzale Cadorna, corso Garibaldi, largo V Alpini, largo la Foppa, la Triennale, il Piccolo Teatro, l’Acquario civico. "Vogliamo una città sempre più accogliente, sostenibile e a misura di tutti", fanno sapere dal Comune, precisando che il tutto è fatto anche in ottica Expo 2015 e quindi i lavori dovranno essere conclusi per quella data.

Lavori che non sono ancora cominciati e che partiranno solamente nella primavera 2014. Per il momento, però, la giunta "ha approvato il quadro economico del progetto Duomo-Sempione, deliberando l’impiego di 7 milioni di euro", come si legge sul sito del Comune. Oltre agli itinerari ciclabili saranno adeguati dal punto di vista tecnologico 10 incroci semaforizzati, verranno riqualificati i percorsi pedonali e sarà messa in atto una "valorizzazione paesaggistica e naturalistica" di diversi ambiti lungo gli itinerari: tra questi, Milton-Alemagna, via Lanza, parte di via Legnano e piazzale Marengo.

Alcuni hanno polemicamente parlato di "sette milioni di euro per una pista ciclabile che c'è già", come si legge su Il Giornale:

I cinque chilometri della «Duomo-Sempione» in realtà non partono da piazza Duomo ma da piazza Cordusio: e già qui si è scelto di non scegliere, perchè nè su via Orefici né su via Mercanti sono previsti percorsi dedicati alle biciclette. Dal Cordusio parte via Dante, che come è noto è pedonale da vent'anni, e dove la «pista» verrà realizzata semplicemente tracciando sulla pavimentazione una traiettoria suggerita ai velocipedi; da qui si arriva a largo Cairoli e piazza Castello, dove la pista continuerà come oggi a incrociare il traffico veicolare, ma con semafori dedicati; dopodichè inizia il parco Sempione, che i ciclisti in realtà possono già oggi tranquillamente attraversare, e dove peraltro sul lato orientale, ovvero via Legnano, una pista ciclabile esiste già da decenni

La parte sicuramente nuova è quella che riguarda Corso Sempione (a dire la verità il marciapiede pedonale è già usato come pista ciclabile), parte che ha però messo in allarme i residenti, preoccupati per quei parcheggi tra gli alberi che saranno anche brutti, ma sono essenziali per non impazzire alla ricerca di un buco dove lasciare la macchina. Il problema è stato preso in considerazione, e si pensa di risolverlo trasformando i parcheggi a “S” che adesso ci sono in parcheggi a lisca di pesce. Oltre alla creazione di nuovi spazi in via Domodossola. Niente più auto tra i platani secolari, che così saranno anche preservati, ma fioriere a aiuole.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: