Il dipinto segreto di Leonardo al Castello Sforzesco

Due pareti della Sala delle Asse nascondono un lavoro del genio rinascimentale che era rimasto nascosto.

Non un quadro, un bozzetto o qualche frammento; ma due pareti intere della sala delle asse del Castello Sforzesco interamente dipinte da Leonardo da Vinci. La scoperta l'hanno fatta recentemente i restauratori dell'Opificio delle pietre dure di Firenze, il più prestigioso istituto di restauro al mondo che ha trovato "importanti resti di disegno preparatorio su tutte le pareti".

A stupire non è tanto il fatto che ci siano delle pareti affrescate molto probabilmente da Leonardo, ma che la cosa non sia stata scoperta prima. Questo perché già altre due pareti della sala, quella nord est e nord ovest, sono dipinte da Leonardo e furono portate alla luce nel 1954. Evidentemente a nessuno era mai venuto in mente che il lavoro del genio rinascimentale potesse occupare l'intera sala.

Il dipinto è coperto da molteplici strati di "scialbatura", sulla cui rimozione si sta lavorando per porre così rimedio a un errore difficilmente spiegabile. Il lavoro di Leonardo inizia nel 1498, prevede un pergolato che nasce dai tronchi di alberi dipinti lungo le pareti e che termina sulla volta; sotto i tronchi un bordo di radici, pietre e terra. Nel Settecento però la stanza diventa una scuderia e il dipinto viene coperto da intonaco bianco. È alla fine dell'Ottocento che il dipinto viene riportato alla luce, ma pesantemente ridipinto, per poi essere riportato al monocromo originale nel 1954, ma lasciato a metà.

Il restauro durerà fino al 1° maggio 2015, quando la sarà riaperta al pubblico in occasione (c'è bisogno di dirlo?) di Expo 2015, e i lavori potranno anche essere seguiti in tempo reale sul sito saladelleassecastello.it. Il costo di tutta l'operazione è di due milioni di euro.

  • shares
  • Mail