Recensioni: panini nel centro di Milano #2


Siamo al secondo capitolo delle paninoteche da urlo. Ieri vi ho parlato di De Santis, a non più di quaranta metri c'è un altro storico locale milanese, attivo dal 1974, specializzato in panini di ogni genere. L'insegna parla chiaro: L'arte del panino dal 1974. E una paninoteca che ha un'insegna così ha due possibilità, o rispetta ciò che promette oppure non ci va più nessuno. Galiano rispetta la promessa e offre ai suoi clienti panini che potrebbero essere esposti al MoMA.

L'offerta è ampia, ancora di più e di più. Tanto per capirci, se ci andate tutti i giorni potete mangiare sempre un panino diverso. Il menù è suddiviso in varie parti, a seconda dell'ingrediente principale (culatello, salame di cremona, praga, crudo, porchetta, tagliata, salmone e via dicendo), il companatico comprende anche formaggi, verdure, olio tartufato e ghiottonerie d'ogni sorta.

I panini, a essere sinceri, sono piccolini, dimenticatevi la baguette ripiena che avete preso in gita scolastica a Parigi, in compenso il sapore è da primato. Sinceramente non saprei dire se amo di più De Santis, Galiano o il Panino Giusto. Diciamo che lo stile è lo stesso, poi ognuno fa le sue scelte, io tendenzialmente li alterno.

Gli interni del locale sono ampi, c'è un sacco di posto, non sono particolarmente belli, ma non si rischia di restare in piedi. I prezzi sono parecchio variabili, dai cinque fino ai quindici euro circa. I panini che vedete in foto (porchetta e salame), squisiti, mi sono costati sette e nove euro. Il locale è chiuso la domenica (tel. 02 36539624).

galiano panini

galiano panini
galiano panini

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: