Inaugura il memoriale della Shoah il 26 e 27 gennaio per la Giornata della Memoria

Un luogo per raccogliere la memoria della deportazione. L'inaugurazione ufficiale della nuova evocativa struttura

Il treno rappresentante immobile di una tragedia, traghettatore di anime perdute, spezzate e bruciate dall'orrore di tempi cupi. E quello che testimonia il nuovo Memoriale della Shoah, che si apre ai cittadini: domenica 26 e lunedì 27 gennaio 2014 nella nuova piazza Edmond J. Safra, già via Ferrante Aporti 3.

Per la Giornata della Memoria, il sito sarà eccezionalmente aperto al pubblico con a disposizione Ciceroni d'eccezione, tra cui Gad Lerner, Lella Costa, Gioele Dix, Natalia Aspesi, Raffaele Morelli, Ferruccio de Bortoli, presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano, che ieri ha presentato le iniziative in programma per quest'anno:

Ripensando a quattro anni fa, quando in questo stesso luogo, posavamo la prima pietra che avrebbe dato vita al Memoriale, resto quasi incredulo di fronte al valore e all'unicità del risultato a cui siamo arrivati. Questo è un luogo dove la memoria parla di chi non c'è più, e al tempo stesso educa al rispetto e alla convivenza civile le menti di chi c'è ora e di chi verrà.

Si tratta di un luogo unico in Europa, in quanto il solo, tra tutte le aree di deportazione verso i campi di concentramento e sterminio, ad essere rimasto intatto. Sorge sul Binario 21, esattamente dove tra il 1943 e il 1945 migliaia di ebrei, rastrellati in città e nella regione, furono caricati su vagoni merci e agganciati ai convogli diretti a Auschwitz-Birkenau, Bergen Belsen e ai campi italiani di raccolta, come Fossoli e Bolzano.

Oltre il binario e il tragico treno si erge il Muro della Memoria, con i i nomi dei deportati che per un attimo, illuminandosi e ingrandendosi, riemergono dall'asfittico oblio in cui i boia avrebbero voluto cacciarli. Manca ancora la Biblioteca, che ospiterà fino a 45.000 volumi e in cui confluirà il patrimonio di conoscenza raccolto dal Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, ma per il resto il luogo è quasi completato.

Nell’area dei binari "Memoriale" è stata completata la posa delle targhe che ricordano i convogli delle deportazioni, è stata collocata la passerella di collegamento tra le due banchine e sono stati restaurati i quattro vagoni originali. È inoltre stata completata la scala circolare appesa di collegamento col piano interrato, dove è stata realizzata la parte edile dell’auditorium e completato il sistema del foyer e dei servizi per il pubblico.

Le visite al Memoriale domenica 26 e lunedì 27 gennaio 2014 potranno essere sia libere che guidate, e si distribuiranno su entrambe le giornate dalle ore 10 alle ore 17 (orario dell'ultimo ingresso). La visita è gratuita, escluso 1,50 euro per costi di gestione prevendita. E' consigliabile la prenotazione della visita, che avrà una durata prevista di circa 50 minuti in forma sia libera sia guidata, sul sito TicketOne, selezionando la fascia oraria desiderata.

Il Memoriale sarà aperto anche per i visitatori individuali ogni primo e terzo giovedì del mese, nel pomeriggio, su prenotazione obbligatoria.

  • shares
  • Mail