Sciopero dei trasporti a Milano il 24 gennaio: orari e modalità

I mezzi pubblici si fermano venerdì prossimo. Agitazione dell'Unione Sindacale di Base.

sciopero-atm-milano-594x350

Sciopero dei trasporti a Milano venerdì 24 gennaio. Prima di tutto va detto che lo sciopero è indetto dalla sola Unione sindacale di base, non sciopereranno quindi i lavoratori aderenti a Cgil, Cisl e Uil. Il che non significa che le agitazioni del 24 vadano prese sotto gamba, dal momento che nel passato recente anche la sola Usb è riuscita a creare parecchi disagi. A Milano questi sono gli orari e le modalità dello sciopero: dalle 9,45 alle 15 e dalle 18 alla fine del servizio con il rispetto delle fasce orarie mattutine e pomeridiane.

Le ragioni che stanno alla base dello sciopero le spiega la stessa Unione Sindacale sul suo sito:

Le privatizzazioni nel TPL aggrediscono pesantemente la categoria e i cittadini: tagli al servizio ed ai livelli occupazionali, revoca del salario di secondo livello, pesanti penalizzazioni contrattuali e al diritto dell'esercizio di sciopero, ingresso di aziende interessate esclusivamente a depredare il denaro pubblico. Questa la pratica di governo, associazioni datoriali e aziende in un settore che rappresenta la parte vitale della mobilità territoriale nel paese. Da sei anni il CCNL del TPL è bloccato mentre gestioni clientelari e criminali, che hanno visto la pesante intromissione della politica, hanno spolpato le aziende pubbliche di trasporti. Fallimentari le privatizzazioni: basti pensare a quelle già attuate – come Alitalia, Telecom, ILVA, solo per citare qualche esempio. La risposta ai problemi del TPL non può dunque essere quella delle dismissioni, dell’affidamento ai privati, la riduzione del numero di aziende, il taglio al servizio e la diminuzione delle risorse da parte dello Stato.

La posizione di Usb per sistemare ciò che, nella sua ottica, sta andando storto nel trasporto pubblico locale è illustrata così:

Determinante è una nuova logica di modello e sviluppo delle città che sappia mettere al centro il trasporto pubblico di massa con progetti partecipati e condivisi dai cittadini, corridoi della mobilità, metropolitane leggere e un maggior utilizzo del trasporto su ferro. Già questo vedrebbe rilanciare il trasporto pubblico e ridurre il traffico nelle grandi città, sviluppare occupazione, rilanciare l'economia, ridurre l'inquinamento e consumare meno petrolio. Una diversa cultura, quindi, di diritto alla mobilità del paese che coinvolga i bisogni e i diritti dei lavoratori con quelli dei cittadini utenti che garantisca: il mantenimento ed il rilancio del carattere pubblico delle società a gestione regionale e, se gli enti regionali non sono all'altezza, che sia direttamente lo stato a gestire l'intero settore;

- la reinternalizzazione dei servizi già affidati con garanzia dei livelli occupazionali;

- la compatibilità sociale e ambientale come servizio essenziale al Paese;

- la sicurezza dei mezzi per chi viaggia e chi lavora;

- l'efficienza e l'intermodalità per offrire nuove opportunità agli utenti;

- risorse economiche certe e trasparenti;

- buona e sana occupazione per i lavoratori.

  • shares
  • Mail