Grande Brera: i progetti in mostra in Triennale

La valorizzazione della Pinacoteca e lo spostamento dell'Accademia. Un'idea che prosegue da 40 anni.

La Grande Brera di Milano è uno di quei progetti di cui si parla da talmente tanto tempo da sembrare solo leggende. Sono 40 anni infatti che si discute del lavoro, ma forse adesso qualcosa ha iniziato a muoversi, dopo la gara che ha portato alla selezione del progetto di Research consorzio stabile Scarl firmato dall'architetto Amerigo Restucci. Il che non significa molto, se non che almeno ci sono dei progetti da vedere.

E questi progetti sono adesso in mostra in Triennale, assieme agli altri 12 che sono stati presentati al bando per la valorizzazione di Palazzo Citterio. E chissà che non sia un modo anche per capire quale progetto potrebbe andare a sostiuirlo, visto che il ribasso del 38% sulla base d'asta di 17 milioni viene considerato "anomalo" dalle istituzioni delle Belle arti responsabili dell'operazione.

L'appalto è infatti stato concesso in via provvisoria dalla soprintendenza, il che non fa tra l'altro ben sperare sul fatto che i lavori possano partire in tempi ragionevoli. Ma tanto, una volta che si è atteso per 40 anni, fa poca differenza. Se tutto va per il verso giusto, comunque, l'assegnazione definitiva avverrà a marzo, da quel momento ci sono due anni per la conclusione dei lavori.

Vuol dire che davvero per il 2016 saranno completati i lavori della Grande Brera? Se davvero così sarà, ma è dura, vale almeno la pena di ripassare che cos'è la Grande Brera. Trattasi di un intervento su Palazzo Citterio in modo da trasformarlo in uno spazio espositivo dedicato ovviamente alla Pinacoteca ma anche a manifestazioni e mostre temporanee. Per questo progetto sono previsti fondi pari a 17 milioni, altri 4 milioni andranno per la salvaguardia dei tetti della Pinacoteca mentre un altro milione e mezzo sarà necessario per lo spostamento dell'Accademia di belle arti nella caserma di Via Mascheroni.

I 12 progetti sono in mostra alla Triennale fino a 16 febbraio, ingresso gratuito.

  • shares
  • Mail