Expo 2015: la Turchia si ritira

Ripicca di Erdogan per l'appoggio dell'Italia a Dubai.

L'Expo 2015 ha dalla sua una lista particolarmente lunga di paesi partecipanti. In questa lista avrebbe dovuto esserci anche la Turchia, ma da quello che sta emergendo, Ankara si prepara a fare un passo indietro e a dare l'addio all'esposizione universale di Milano. La notizia è stata data dal quotidiano inglese Hurriyet, riprendendo fonti diplomatiche.

Una decisione che sarebbe già stata recapitata al governo italiano, che però - preso nel caos di questi giorni tra fine del governo Letta e nascita del governo Renzi - dev'essersi dimenticato della cosa. Anche perché la Turchia aveva firmato il protocollo di partecipazione nel 2012 ed era quindi da tempo tra i partecipanti sicuri.

Ufficialmente non si tratta di una decisione politica, in verità, però, la ragione sta nell'appoggio che l'Italia ha dato a Dubai per l'organizzazione dell'Expo del 2020. Una mossa considerata non cavalleresca, visto che tra le competitrici c'era anche Smirne, la città turca che già venne sconfitta da Milano per il 2015. Una ennesima sconfitta, che si va ad aggiungere all'occasione persa di ospitare le Olimpiadi.

Insomma, la Turchia smania di mostrare la sua nuova grandezza organizzando un qualche evento principale. E se non può organizzare il suo, non parteciperà neanche a quello di altri, pare di capire. Il tutto sarebbe peraltro un colpo di testa di Erdogan, incurante di privare il suo paese di una vetrina internazionale decisamente importante.

EXPO

  • shares
  • Mail