Milano "Non è una città per alberi"

albero

"Non è una città per alberi". Così Pejrone, celebre architetto botanico, commenta il sogno del maestro Abbado, un progetto che Renzo Piano sta cercando di realizzare concretamente attraverso un progetto ardito, "sperimentale", come lo definisce Pejrone in un'intervista sulla Repubblica in edicola oggi. L'iniziativa è meritevole, ma l'illustre botanico mette in guardia su possibili "effetti collaterali"

Non è che mettendo 4 piante il problema si risolve. Bisogna che piante e città si adattino l'una all'altra, è un discorso di convivenza. La città divora la terra, e rimane poco agli alberi. C'è una forma di incompatibilità tra il grande albero e la città (...) la convivenza è difficile inutile negarlo. Bisogna trovare loro un posto adeguato, funzionale ad una vita lunga. Una pianta in stato precario è infelice, vive in maniera infelice e non è bella da vedere.

Insomma Milano non è Parigi, dove quando si decise di far diventare la città più verde si buttò giù una parte antica della città per fare spazio ai grandi boulevard alberati, dando alle piante lo spazio vitale di cui hanno bisogno. A Milano il discorso è innegabilmente complicato; in primis perchè il sottosuolo difficilmente permette piantumazioni, causa metropolitana. In questo senso si parla di piantare degli alberi, magari le magnolie tanto care al maestro Claudio Abbado, in "vasconi" rialzati. Però, in questo modo, si rischierebbe concretamente di piantare degli alberelli che poi rinsecchirebbero in fretta.

Foto By Flickr

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: