A Milano arrivano le scuole in legno. La "rivoluzione eco " dal 2016

Quattro edifici scolastici saranno costruiti secondo i criteri della bioedilizia.

A Milano arriveranno le prime scuole in legno: quattro edifici scolastici che saranno progettati in nome della bioedilizia e faranno la loro comparsa nel 2016. Qualcuno già si affretta a parlare di "rivoluzione ecologica", ma forse prima di lanciarsi in affermazioni del genere bisognerà vedere se il legno usato per costruire avrà certificazioni ambientali e quali. Per il momento quello che si sa è che la cosa è stata resa possibile da un accordo con FederlegnoArredo.

La prima scuola che dovrebbe essere costruita seguendo questi nuovi standard è quella elementare di via Viscontini, chiusa nel 2013 per amianto, mentre le altre sono previste per la primavera 2016. A rappresentare sempre una bella incognita sono i finanziamenti, anche se in questo caso sono soldi che si ripagherebbero da soli sul lungo termine, dal momento che il risparmio energetico garantito da strutture progettate secondo i canoni della bioedilizia si aggira sul 40%. Bollette decisamente più leggere, quindi.

Pisapia ci mette la faccia in prima persona: "L'accordo sottoscritto oggi nasce dalla volontà di sperimentare nuove idee e nuove opportunità in un settore importante come quello dell'edilizia scolastica, garantendo al tempo stesso i più alti standard qualitativi e funzionali". Bisogna però capire quali saranno i tempi e dove saranno reperite le risorse, anche se in merito qualche idea c'è già.

Per quanto riguarda i tempi si parla di sei/otto mesi, quindi decisamente più bassi dei due anni e mezzo necessari per costruire una struttura in cemento (oltre ad avere il grande vantaggio di essere una struttura facilmente modificabile alla bisogna). Per quanto invece riguarda i soldi, il costo si aggira tra i 10, 12 milioni di euro. Che potrebbero essere ricavati dalla vendita del 5% di A2A che è stata decisa dai comuni di Milano e Brescia.

  • shares
  • Mail