Cosa fare stasera a Milano: “Call me Maybe” all’OCA

Un party particolare, dove scatenare fantasia e ilarità, nella serata d’esordio di “Mi Streets Souls”, la manifestazione negli spazi ex-Ansaldo dedicata all’urban culture.

sonny denja

Un party per i più scatenati, i più audaci, i più creativi con tanta voglia di divertirsi a cui partecipare con una t-shirt bianca che diventerà tela su cui chiunque potrà sbizzarrirsi. Amici ma anche sconosciuti che armati di pennarellone potranno disegnare, scrivere frasi, lasciare il proprio numero di telefono (da qui “Call me Maybe”) o quant’altro la fantasia ispirerà, senza alcuna limitazione o pudore. In pratica la maglietta indossata diventa il muro dei bagni degli autogrill dove, come tutti sappiamo, c’è davvero scritto di tutto. Quindi per chi non ha lo spirito giusto forse non è la serata giusta, mentre per chi è più aperto è sicuramente una grande occasione per fare nuove conoscenze.

Il tutto ovviamente condito da tanta ottima musica rock, elettro, elettrorock, techno e turbofunk, per una serata adrenalinica a cura di DeKid (The Fault Family), Zuzi Diggei B2B Il Conte (Mood), dj WestBanhof (The Fault Family) e Sonny Denja (nella foto) e colorata dalla live performance “Physical theatre” by Liberi Di e dalle holographic Moving Images di U-Zip.

L’appuntamento è quindi dalle 21 nella sala Palco dello Spazio Ansaldo Milano di via Bergognone 34 (ang. via Tortona) con ingresso a 5€ consumazione entro le 22, poi a 10€ sempre con un drink incluso.

E come se non bastasse si balla anche nella Sala Agorà di “Mi Streets Souls” in compagnia di Soren (Taste) + Digital Genetic Pasta ( Biokip Records), Fabio Della Torre (Bosconi Rec.) e Raffaele Iannucci (Yellow Bus Project), con video mapping a cura di Qoelet Project.

  • shares
  • Mail