La Moratti capitola: "regala" un ponte ai writer



Nel titolo si esagera, non è una capitolazione, quanto piuttosto una mano tesa ai writer, una piccola breccia nel muro che era stato creato in seguito ad una vera e propria guerra. Non è un caso che l'annuncio è avvenuto alla celebrazione dell'anniversario della caduta del muro di Berlino. In mezzo a tanti modi diversi per "abbattere le barriere" il sindaco ha trovato spazio anche per i graffitari e la loro street art: per 5 giorni 11 writers di razza si sfideranno a colpi di bomboletta nella centralissima Via Mercanti. E i loro graffiti resteranno esposti fino al 22 novembre.

Già questa decisione è una sorpresa. Ma la vera notizia è che il ponte della Ghisolfa verrà ridipinto dalle bombolette dei writers, per dare un po' di colore al cavalcavia più grigio e brutto della città. E' il progetto che il Comune ha in mente per "fare pace" coi graffitari che fanno arte sul serio (e non sporcano i muri con tag senza senso) e per riqualificare porte d'ingresso della città, come ponti e cavalcavia.

Si comincia dunque con quello della Ghisolfa, il cavalcavia Monteceneri, come spiega l'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory: "stiamo lavorando a una mappatura di 5-10 luoghi che riteniamo brutti affidandoli ad artisti di strada potremmo realizzare una via d’ingresso alla città più bella e colorata. Siamo pronti a pagare gli artisti, cercheremo uno sponsor, a partire dall'Amsa". Insomma un progetto "didattico, etico ed estetico". Milano finalmente a misura di writer.

Foto by Imageshack

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: