Citylife Milano: nuove regole per riuscire a vendere

La proprietà corre ai ripari.

Qualche tempo fa Citylife era finito nel mirino dell'antitrust per pubblicità ingannevole. La ragione? Innanzitutto i ritardi clamorosi rispetto a quanto promesso: l’anno di completamento di cui si parlava nel sito era il 2015, poi modificato in 2023; inoltre sarebbero state fornite anche “informazioni non veritiere anche relativamente ad alcune scadenze intermedie, quali la consegna delle prime unità abitative e della prima parte dell’area destinata a un parco pubblico originariamente prevista nella primavera del 2012?.

Se a questo si aggiunge un quadro delle vendite degli appartamenti che non appare così entusiasmante, ecco che si capisce perché la proprietà ha deciso di correre ai ripari e introdurre nuove regole per la vendita degli appartamenti, che dovrebbero restituire un po' di fiducia ai possibili acquirenti. Il sito internet avrà una sezione dedicata all'aggiornamento trimestrale dello stato dei lavori (percentuali di completamento, cronoprogramma e date), ci saranno poi webcam per controllare i lavori sulle tre torri e soprattutto tutta la parte riguardante i contratti futuri.

Si compreranno gli appartamenti solo in base allo stato dei lavori attuale (non più sulla fiducia) e non ci potranno essere proroghe nelle consegne. In caso di ritardi, la percentuale che sarà risarcita all'acquirente sarà dal 3,5%. Questo, sembra di capire, vale però solo in base alle nuove scadenze, visto che le ultime date sono slittate dal 2015 del progetto originario fino al 2023.

Ma quanto costano gli appartamenti nell'area residenziale di lusso che in futuro avrà anche un parco pubblico di 168mila metri quadrati? Si va dai 7mila euro al metro quadro per i piani bassi, fino agli 11 dei superattici. Il prezzo medio al metro quadro è di 8.500 euro.

torrelibeskin1-586x350

  • shares
  • Mail